La Raste Bed & Breakfast : Soggiorni e vacanze nelle Piccole Dolomiti a Recoaro Terme (Vicenza) - Pernottamento e colazione

Recoaro Terme: la Storia

Breve storia di Recoaro Terme

Recoaro Terme deve la propria fama principalmente alla presenza delle sue acque ferruginose che, scoperte e divulgate ancora nel XVII secolo, fecero della cittadina, soprattutto nel corso del secondo Ottocento, una stazione curativa e idrotermale tra le più rinomate d'Italia, frequentata durante l'estate dai più bei nomi dell'aristocrazia dell'epoca, da esponenti e personaggi illustri della cultura, della politica, dell'arte, tra i quali Giuseppe Verdi, Nietzsche, Giacomo Zanella, Radetzscky, Lamarmora, Mayerbeer, Ponchielli, molti membri della casa imperiale degli Asburgo e la Regina d'Italia Margherita di Savoia.

Fondati nel corso del XII e XIII secolo da gruppi di coloni bavaro-tirolesi, migrati massicciamente verso sud e portatori di una cultura germanica e di una parlata definita "cimbra", i centri abitati disseminati nella conca di smeraldo, tra cui il nucleo urbano centrale che avrebbe dato origine a Recoaro, sorsero dapprima come piccoli agglomerati di modeste dimore per quelle famiglie di boscaioli, minatori e dissodatori di terreni incolti che costituirono il primo ceppo di abitatori della zona, dediti alle attività silvo-pastorali e all'estrazione di metalli e minerali, particolarmente presenti e commercializzati soprattutto durante il XV secolo.
Lo storico passaggio, da un tipo di economia montana di pura sussistenza ad un'organizzata e redditizia attività turistica, termale e ricettiva, si ebbe appunto con la valorizzazione delle fonti minerali e la realizzazione, attorno alla sorgente principale detta Lelia dal nome del suo scopritore nel 1689, il conte Lelio Piovene, di un vero e proprio compendio termale, dotato fra l'altro, a partire dal 1875, di uno stabilimento per le cure idro-balneo-terapiche all'avanguardia in Italia e competitivo, all'epoca, anche a livello europeo.

Grazie al miglioramento dei collegamenti viari con il vicino centro laniero di Valdagno e la crescente fama delle acque curative, Recoaro vide rapidamente crescere e svilupparsi, attorno al vecchio nucleo centrale, una piccola ville d'eau con alberghi, locande, caffè e locali di intrattenimento che attirarono sempre più una clientela vasta e variegata alla ricerca di salute, relax e mondanità.

Intorno al 1920 fu avviata, nello stabilimento che sorge tuttora all'ingresso del paese, un'attività industriale di imbottigliamento dell'acqua minerale da tavola e delle celebri bibite con marchio "Recoaro" (Chinotto, Gingerino, Acqua Brillante, ecc.), mentre a partire dal secondo dopoguerra si registrò un progressivo mutamento nella tipologia dei villeggianti, via via più legati ad un sistema sanitario di cure convenzionate e con una provenienza a netta prevalenza padano-veneta.

Oggi Recoaro offre al turista e al curante un ambiente naturale e un patrimonio idrologico che, per le caratteristiche particolari del terreno e del sottosuolo, presentano una varietà e una quantità di aspetti del tutto singolari.
Sono disponibili ed attrezzate per l'uso terapeutico nove sorgenti, cinque delle quali (Lelia, Lorgna, Amara, Nuova e Lora) sono situate nello stabilimento delle Fonti Centrali, mentre le rimanenti quattro (Giuliana, Capitello, Franco e Aureliana) si trovano in località distaccate. A seconda del contenuto e delle diverse proprietà, esse risultano efficaci nella cura di differenti disturbi tra i quali alcune malattie metaboliche e delle vie urinarie, sindromi iperuricemiche, cistiti, calcolosi, astenie, nevrosi, gastropatie e affezioni del fegato, reni, pancreas e vie biliari. Presso lo stabilimento delle Fonti Centrali sono inoltre disponibili: balneoterapia, fangoterapia, aerosol e inalazioni, trattamenti fisioterapici e assistenza medica.

Da vedere a Recoaro, oltre ai numerosi punti di interesse paesaggistico e naturalistico dei dintorni: lo stabilimento termale e il villino Tonello o Margherita alle Fonti, entrambe opere pregevoli (risalenti rispettivamente al 1875 e al 1865) dell'architetto Antonio Caregaro Negrin; il neoclassico Palazzo municipale, costruito nel 1849 da Luigi Dalla Vecchia e contenente nell'atrio un affresco del Leone di San Marco del secolo XV; la moderna Chiesa arcipretale nella piazza centrale opera di Giuseppe Vaccaro (1950), con all'interno una Via Crucis di Luciano Minguzzi e un pregevole mosaico del Cadorin; il nuovo Museo storico dedicato alla Vita del soldato nella Grande Guerra; il Parco pubblico Fortuna; le vie del centro con i numerosi manufatti in stile liberty risalenti all'Otto e Novecento.

VENERDÌ 20 APRILE 1945: Il bombardamento del Comando supremo tedesco in Italia

Lo stabilimento per l'imbottigliamento di Recoaro Terme e le sue bibite 

Francobolli nella Grande Guerra: un evento filatelico di grande pregio

Recoaro Terme nella storia

Villeggianti a Recoaro Terme - primi 900
Villeggianti a Recoaro Terme - primi 900

Passeggiate a dorso di asinelli
Passeggiate a dorso di asinelli

La Grande Guerra a Recoaro
La Grande Guerra a Recoaro